Ciao a tutti,

In questi mesi nei quali il mondo è impegnato nella lotta contro il Coronavirus come associazione Progetto Abraham non potevamo ignorare quello che sta accadendo in Africa e, in particolare modo, in quello che per tutti noi è diventata una “seconda casa”.

In Etiopia i primi casi di persone positive al Covid-19 sono stati accertati alla fine del mese di marzo, alla fine di maggio erano già più di 1000 e nella prima settimana di giugno oltre 1500. Nonostante le precauzioni del governo Etiope, che ha imposto la quarantena per tutti coloro che entravano nel paese arrivando da zone già colpite, la curva del contagio sta tuttora subendo una crescita notevole.
Questo ha spinto il governo ad aumentare il numero dei test diagnostici (fino qualche settimana fa limitati a chi entrava nel paese) ed a introdurre misure simili a quelle adottate anche in Italia (ad esempio la misurazione della temperatura all’ingresso dei luoghi pubblici, la sospensione di eventi sportivi, il divieto di assembramenti, etc.)
Il Covid 19 ha colpito un paese già pesantemente provato dalla più grande invasione di locuste degli ultimi 70 anni che ha nei mesi scorsi provocato la perdita di oltre 200 mila ettari di coltivazioni.

In questo contesto abbiamo deciso di provare a dare il nostro contributo per superare le tante e urgenti difficoltà e per farlo, essendo consapevoli dei limiti della nostra piccola – per quanto determinata – associazione, abbiamo deciso di contattare un’organizzazione non governativa solida e inserita da tempo nella realtà etiope, e proporle una collaborazione.

Abbiamo scelto l’Organizzazione Medici con L’Africa Cuamm, che ci ha proposto di finanziare un progetto per il sostegno all’ospedale St. Luke di Wolisso, una struttura sanitaria privata no-profit posta ad un centinaio di chilometri da Addis Abeba (https://www.mediciconlafrica.org/luoghi/wolisso/).

Il progetto prevede lo stanziamento da parte della Associazione Progetto Abraham di 1305 euro per l’acquisto di materiale di protezione per il personale sanitario oltre che dei medicinali di cui l’ospedale ha bisogno per il suo normale funzionamento, in questo periodo naturalmente messo più alla prova dall’aumento di pazienti.

In allegato trovate una spiegazione più dettagliata del progetto, se volete aiutarci in questa nuova iniziativa potete farlo tramite bonifico sul conto corrente dell’associazione (IBAN: IT04P0311110801000000009169 Banca Popolare di Bergamo UBI), mettendo come causale “Sostegno all’Ospedale Wolisso”.

Grazie mille per l’appoggio e l’affetto che non ci fate mai mancare,

Un saluto affettuoso,

Lo Staff Progetto Abraham